Coronavirus: lunghe code anche per la Cannabis ad Amsterdam

Pubblicità

Ad Amsterdam la chiusura imminente dei Coffee Shop annunciata per domenica scorsa alle 18 ha spinto i consumatori di Cannabis a recarsi in urgenza nel Coffee Shop più vicino. Il che non ha mancato di creare lunghe code per tutta la città. Siete su Le Cannabiste, e fino a qui tutto bene.

 * * *

#Coronavirus

E’ la parola sicuramente più diffusa nel mondo attualmente. La piaga che ha colpito in maggioranza il nostro paese non ferma la sua progressione. Cosi anche in Spagna la famosa fiera Spannabis ha dovuto arrendersi al virus.

Questo è avvenuto solo 48 ore prima dell’inizio del evento, il che ha provocato l’ira di alcuni espositori già sul posto. Secondo l’organizzazione l’edizione 2020 avrà luogo da l’11 al 13 Settembre. Neanche il mercato della Cannabis viene risparmiato dal Coronavirus.

Anche a Barcellona i consumatori hanno dovuto organizzarsi prima della chiusura dei Social Clubs.

* * *

Spannabis se pospone
Credit Twitter @feriaspannabis

#CoronAmsterdam

Il virus si diffonde in tutta Europa e le restrizioni si moltiplicano in tutti paesi colpiti. Dopo la ressa sulla pasta e la carta igienica, Amsterdam ha vissuto domenica pomeriggio scene simile ma con la Cannabis come protagonista.

“Probabilmente non saremo in grado di avere erba per i prossimi due mesi, quindi sarebbe bello averne un po ‘a casa”, ha detto Jonathan, un olandese avvertito da un amico dell’annuncio del governo.

Dopo la conferenza stampa congiunta del Ministro della Sanità e del Ministro della Pubblica Istruzione che ha annunciato la chiusura di molte aziende e scuole, in pochi minuti si sono formate code fuori dagli Coffe Shops.

Queste scene dove il metro di distanza tra un soggetto e l’altro non viene assolutamente rispettato si sono verificate ovviamente a livello nazionale in Olanda. Visto dalla nostra quarantena nazionale, sono anche abbastanza sconcertanti.

* * *

Code Coffee Shop Coronavirus Amsterdam
Credit Twitter @PerfectioniST61

* * *

La Cannabis, prodotto di prima necessità per almeno 200 milioni di persone sul pianeta, non sarà più accessibile fra poco a livello mondiale per un tempo indeterminato.

In Italia la ressa verso i prodotti di prima necessità è stata un occasione per avere la conferma che le penne lisce non piacciono a nessuno. Secondo voi, ci sarà rimasto qualcosa sugli scaffali dei Coffee Shop?

* * *

Coronavirus Penne Lisce
Credit Twitter @konbinifood

* * *

Un piccolo video bonus da Groland. #IOSTOACASA 

* * *

Fonti : Blog Cannabis /// Twitter

Commenti, reazioni: Le Cannabiste su Facebook / Twitter

– François Xavier Mombelli per The Blinc Group NYC–

–Le Cannabiste 2018 Tutti diritti riservati –

 

Comment this page with your Facebook user