Albania apre strada alla Cannabis terapeutica

Pubblicità

Albania Cannabis Terapeutica

Il primo ministro albanese Edi Rama ha appena annunciato il 12 maggio 2020, che la Cannabis medica sarà presto legalizzata nel paese. Dopo aver annunciato la sconfitta delle operazioni contro le coltivazione illecite da parte della polizia, le autorità stanno ora esaminando la manna finanziaria della Cannabis legale e tassata. Si parla anche di amnistie per i casi legati all’argomento.

Albania, faro di modernità in preda alla marea verde? Questo è l’argomento del giorno su Le Cannabiste.

* * *

 

 

#Cannabis in Albania

La Cannabis ha messo radici in Albania da molto tempo. Infatti, sotto la dittatura comunista di Enver Hoxha (1944-1985), la sua cultura era controllata dallo Stato. Era persino uno dei pochi beni esportati da questo paese politicamente isolato.

Dopo la caduta del regime nel 1991 e il caotico decennio che seguì, una generazione di gruppi criminali albanesi emerse negli anni 2000. 

“Questi nuovi attori, membri di reti internazionali, hanno abbandonato le armi e il traffico di esseri umani favoriti dai loro predecessori degli anni ’90 e hanno investito nel traffico di droga”. Secondo Fabian Zhilla, specialista in criminalità organizzata e fondatore della ONG Open Society Foundation per l’Albania.

Albania Cannabis Terapeutica
Produzione e distribuzione di Cannabis in tutta Europa. Fonte: Europol

* * *

Il piccolo villaggio di Lazarat, situato a pochi chilometri dal confine greco, ottenne fama internazionale e vinse persino il titolo di “regno europeo della Cannabis”. Sotto il controllo dei trafficanti, la città si dedicò interamente all’oro verde, che gran parte dei suoi 5.000 abitanti coltivavano alla luce del giorno nei campi e nei cortili delle case.

Un rapporto italiano ha stimato che la produzione annuale di Lazarat era di circa 900 tonnellate all’anno, per un fatturato stimato di 4,5 miliardi di euro, o quasi un terzo del PIL albanese. Una somma astronomica per questo piccolo paese, uno dei più poveri del continente.

* * *

Albania Cannabis Terapeutica
Credit Sensiseeds

* * *

Con l’elezione del socialista Edi Rama nel 2013, la situazione è cambiata per il villaggio. Un anno dopo essere diventato capo di stato, il signor Rama dichiarò “guerra ai trafficanti di droga” e mandò l’esercito, nonché carabinieri italiani, per un assalto di cinque giorni di alto profilo. Furono sequestrate 80 tonnellate di Cannabis e quantità di armi usate dai trafficanti, una dozzina di persone arrestate.

Molti osservatori hanno anche sottolineato il calendario scelto per questa spettacolare operazione di polizia: dopo tre insuccessi, l’Albania ha finalmente ottenuto dall’Unione Europea l’avvio della procedura in vista della sua integrazione.

* * *

Ma la politica proibizionista del signor Rama non ha ottenuto successo come, tra l’altro, da nessuna altra parte su questo pianeta.

“La produzione, che era concentrata a Lazarat, è ora diffusa in tutto il paese ed è quindi completamente fuori controllo”, afferma Fabian Zhilla.

La coltivazione di Cannabis è emersa negli ultimi anni come un nuovo mezzo di sopravvivenza per molti albanesi. In questo paese in cui il 45,5% della popolazione vive con meno di 5 € al giorno e dove l’immigrazione rimane l’unica speranza per molti giovani, alcuni scelgono di dedicarsi a questa attività molto più redditizia rispetto ai bassi salari offerti da call center o alberghi.

Con un chilo di Cannabis equivalente a due tonnellate di grano, o circa € 250, la sua coltivazione tenta molti agricoltori in un paese in cui la popolazione è rurale per il 60%. 

“Le nostre azioni di distruzione non dissuadono i coltivatori e le piccole piantagioni sono ancora più numerose” confida un agente di polizia.

#Edi Bear

Cosi lo stesso Edi Rama è dovuto arrendersi a l’evidenza. Il piccolo paese sull’orlo del sottosviluppo rimane uno dei principali produttori ed esportatori di Cannabis in Europa. Ma contrariamente a quanto espresso prima, Edi sembra avere la situazione in mano.

“La coltivazione illegale è completamente sotto controllo. Questo è il terzo o il quarto anno di consolidamento. Abbiamo in programma di approvare il disegno di legge nella prossima sessione del parlamento.” ha detto Rama ai giornalisti di Tirana Times.

A Lazarat, gli abitanti del villaggio chiedono un’amnistia criminale completa per i condannati con accuse di Cannabis se il progetto fosse approvato. Non vogliono solo l’amnistia per eludere le tasse sugli utili illeciti che Rama sta proponendo in aggiunta alla legalizzazione.

Albania Cannabis Terapeutica
Edi Rama Credit foto @facebook

Fu dapprima un giocatore di basket, poi pittore-scultore, membro del partito socialista albanese, e si ritrovò Ministro della Cultura. Oggi, e dal 2013, è il primo ministro albanese. Edi Rama, uomo misterioso, non ha ancora svelato altri dettagli della legge attorno la Cannabis terapeutica.

Quindi, al momento, non si sa niente di più del programma “medicale” albanese, oltre alle condizioni di produzione o lavorazione. Nulla sulle condizioni mediche che verranno trattenute per la consegna delle prescrizioni, la formazione dei medici ecc … La designazione di Cannabis medica non è mai stata così vaga. A seguire…

Sullo stesso tema. Le Cannabiste

* * *

Fonti: Thomson Reuters Foundation ///  Reporterre /// Exit ///  TiraniaTimes

Commenti, reazioni: Le Cannabiste su Facebook / Twitter

– Jean Pierre Ceccaldi e François Xavier Mombelli per The Blinc Group NYC–

–Le Cannabiste 2018 Tutti diritti riservati –

* * *

 

 

 

Comment this page with your Facebook user