A San Francisco confinata, la Cannabis è giudicata essenziale

Pubblicità

Anche a San Francisco il coronavirus ha obbligato i commercianti a mettere giù la clèr, cume se diset a Milan. Ma i Cannabis Store fanno eccezione alla deroga e possono rimanere aperti.

Il mondo di domani è su Le Cannabiste.

 * * *

via GIPHY

#Priorità

Cosi come ad Amsterdam i punti di vendita di Cannabis sono considerati dalle autorità statunitense come attività essenziali anche in caso di confinamento.

Dopo la riapertura dei Coffee Shop di Amsterdam, anche a San Francisco i famosi “dispensary” di Cannabis hanno potuto accogliere di nuovo i loro clienti.

* * *

Ne parliamo su Le Cannabiste
Le Cannabiste

* * *

I Cannabis Store erano stati chiusi come tutte le altre attività commerciali non considerate come vitale a San Francisco, ma Martedì le autorità hanno deciso di considerarli come negozi di priorità.

Ovviamente tutto ciò avviene con un serie di restrizioni oramai entrate nelle nostre abitudini come il minimo di un metro di distanza tra ciascuno dei clienti.

“La Cannabis è una medicina essenziale per molti residenti di San Francisco. I dispensari possono continuare a operare come attività essenziali durante questo periodo, praticando il distanziamento sociale e altre raccomandazioni sulla salute pubblica. ” London Breed Twitter

* * *

Questa esenzione di ultima ora si applica teoricamente alla distribuzione di Cannabis a scopo terapeutico. Le modalità di vendita rimangono quelle dell’asporto ma anche della consegna a domicilio, molto diffusa in California e negli USA in generale.

Difatti, le vendite con quest’ultimo metodo di acquisto sono triplicate nell’arco di una settimana a San Francisco, come lo si vede nel Tweet successivo : 

#Nazionale

Anche negli altri Stati dove la Cannabis è legale, sono stati presi provvedimenti dello stesso tipo nei confronti dei negozianti di Cannabis. Comunque le decisioni vengono gestite singolarmente in ogni Stato.

Inoltre nello Stato di Washington sono stati chiusi ristoranti, bar, strutture ricreative e di intrattenimento per due settimane da lunedì. Per questa ragione, le vendite di Cannabis per uso adulto sono aumentate del 23% venerdì scorso, 14% sabato e 33% domenica, rispetto alla settimana precedente.

* * *

Cannabis USA
Credit Pixabay

* * *

Perciò a Seattle i negozi di Cannabis non sono tenuti a chiudere, ma dovranno vendere al di fuori delle mura dello Shop, nella loro proprietà. Solo i titolari di un’autorizzazione di Cannabis medica potranno venire a fare rifornimento.

Allo stesso modo, lo Stato del Michigan ha deciso di consentire a tutti i dispensari di consegnare Cannabis d’asporto. Circa 15 rivenditori di Maria e 66 dispensari di Cannabis medica sono ora in grado di effettuare consegne a domicilio.

* * *

via GIPHY

* * *

Non c’è nulla che sia lontano a San Francisco. (L’uomo venuto dall’impossibile)

Fonti : Daily Mail /// Twitter /// Wikiquote /// NKC Tribune /// Crainsdetroit

Commenti, reazioni: Le Cannabiste su Facebook / Twitter

– François Xavier Mombelli per The Blinc Group NYC–

–Le Cannabiste 2018 Tutti diritti riservati –

* * *

Comment this page with your Facebook user